Giorno della Memoria a Todi 2017

Giorno della Memoria a Todi 2017
da Giovedì 26/01/2017 a Venerdì 27/01/2017
304 visualizzazioni dal 01/01/2018
In occasione delle celebrazioni del “Giorno della Memoria” – istituito in Italia con la legge 211 del 20 luglio 2000 “in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti” – anche quest'anno l'Amministrazione Comunale di Todi promuove per il 26 e 27 gennaio un ricco programma di iniziative in collaborazione con le scuole del territorio, la Presidenza della Giunta Regionale dell'Umbria e la sezione ANPI Todi “Cap. Carlo Barbieri” per non dimenticare la tragedia della Shoah.

Il primo appuntamento è per giovedì 26 gennaio, alle ore 10.30 all'Aula Magna del Liceo “Jacopone da Todi“, con la presentazione del libro “Un mondo senza di noi” di Manuela Dviri, giornalista in prima linea per l'impegno umanitario nel conflitto israelo-palestinese. All'incontro, realizzato in collaborazione con Presidenza della Giunta Regionale, intervengono, oltre all'autrice, la Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini ed il Sindaco di Todi Carlo Rossini.

Nel suo ultimo romanzo (edito da Piemme, con una prefazione di Gad Lerner), la scrittrice italiana naturalizzata israeliana affronta i fantasmi del suo passato familiare: tra Ancona e Padova, l'autrice ricostruisce l'inasprimento delle persecuzione razziale e il diffondersi della connivenza e del sospetto tra le persone comuni. Vicini di casa e impiegati pubblici, tutti tacitamente coinvolti in un processo di esclusione e cancellazione.

Come sarebbe un mondo senza il popolo ebraico? Questa la domanda su cui Manuela Dviri ritorna costantemente nel romanzo, intessendo parallelismi tra la Shoah storica e il presente in Israele, sotto l'angoscia dell'ultima guerra. Una guerra che Manuela Dviri, trasferitasi da Padova in Israele nel 1968, ha vissuto sulla propria pelle: nel 1998 il figlio Yonathan, in servizio nell'esercito israeliano, fu ucciso durante un conflitto con Hezbollah. A lui Manuela Dviri ha dedicato un'opera teatrale messa in scena da Ottavia Piccolo.

Giornalista e scrittrice, collaboratrice di Vanity Fair e del Corriere della Sera, Manuela Dviri è impegnata in iniziative di dialogo con i palestinesi e in progetti umanitari israelo-palestinesi: il più importante è “Saving Children”, dedicato ai bambini palestinesi che non possono essere curati dalla sanità nazionale. Dal 2003 il progetto è riuscito a curare diecimila bambini palestinesi, con la collaborazione di organizzazioni mediche di entrambi gli stati.

Sempre il 26 gennaio, alle 16.30 alla Sala Conferenze della Biblioteca comunale, lezione-spettacolo dedicato alla figura di Etty Hillesum (Middelburg, 1914 – Auschwitz, 1943) con la lettura del suo “Diario 1941-1943. Un mondo altro è possibile”, appuntamento inserito nel programma de “I giovedì di Emma” a cura di Isabella Martelli. Etty Hillesum è stata una scrittrice olandese di origine ebraica, vittima della Shoah. Una ragazza ricca di interessi, caratterizzata da un'intelligenza spiccata e una sensibilità fuori dal comune. Nel 1942, lavorando come dattilografa presso una sezione del Consiglio Ebraico, ebbe anche la possibilità di salvarsi, ma decise, forte delle sue convinzioni umane e religiose, di condividere la sorte del suo popolo.

Ricco il programma di venerdì 27 gennaio. Alle ore 10.30, presso il teatro dell'Istituto di Istruzione Superiore “Ciuffelli-Einaudi”, sarà proiettato il film “Almeno una volta nella vita”. All'iniziativa, realizzata in collaborazione con ANPI Todi, intervengono rappresentanti dell'Amministrazione Comunale e Camilla Todini, Presidente della sezione ANPI Todi “Cap. Carlo Barbieri”.

Ispirato ad una storia vera, la pellicola è ambientata nel Liceo “Léon Blum” di Créteil, città nella ​​banlieue sud-est di Parigi: una scuola che è un incrocio esplosivo di etnie, confessioni religiose e conflitti sociali. Una professoressa, Anne Gueguen (interpretata da Ariane Ascaride), propone alla sua classe più problematica un progetto comune: partecipare a un concorso nazionale di storia dedicato alla Resistenza e alla Deportazione. Un incontro, quello con la memoria della ​​Shoah, che cambierà per sempre la vita degli studenti.

Sempre il 27 gennaio, durante l'intera giornata, si svolgeranno una serie iniziative promosse dalla Scuola Media Cocchi e dal Liceo “Jacopone da Todi” con il patrocinio e la collaborazione del Comune. Questo il programma della giornata: la mattina, alle ore 9.30 al Cinema Jacopone, gli studenti assisteranno alla proiezione del documentario “Semi - I bambini della Shoah” di Roberto Olla. Al termine ci sarà l'intervento di due signore della comunità ebraica di Roma, Claudia Terracina e Lorella Ascoli, che parleranno ai ragazzi della loro storia, legata allo Shoah, cui seguirà un'intervista dei ragazzi curata dagli insegnanti della scuola media.

Alle 14.30 Lorella Ascoli incontrerà gli studenti del Liceo “Jacopone da Todi” nell'Aula Magna della scuola; anche in questa circostanza è prevista la visione di un film e di documenti portati dalla dott.ssa Ascoli.

In serata, alle ore 18:00 e alle 21:00, alla Sala del Consiglio Comunale, l'Orchestra formata dai ragazzi della scuola media Cocchi e del Liceo, si esibirà in un concerto alternando le esecuzioni di brani con interventi di letture di poesie e testi sull'Olocausto. Durante il concerto alcuni ragazzi dipingeranno sotto al palco “ispirati” dall'emozione sul sottofondo della musica dei video inerenti il tema della serata. Dopo un suo breve intervento, Lorella Ascoli annuncerà i ragazzi vincitori di un concorso interno alla scuola che prevede tre categorie di premi: miglior componimento poetico, miglior componimento letterario e migliore opera grafica.
Argomenti che potrebbero interessarti:
Eventi Todi
Incontri e Conferenze
 
 
Svuota Campi