Mostra di opere di Ferruccio Ramadori al Museo Art Design

Mostra di opere di Ferruccio Ramadori al Museo Art Design
Campello sul Clitunno (PG)
MAD Museo Arte Design Con il Patrocinio di Comune di Campello sul Clitunno, Provincia di Perugia, Regione Umbria, Accademia di Belle Arti di Perugia presenta Gestualità in equilibrio opere di Ferruccio Ramadori a cura di Giorgio Bonomi testo critico Claudia Bottini MAD Museo Arte Design S.S. Flaminia Km.138, Campello sul Clitunno (PG) Vernissage sabato 13 giugno ore 17.30.

Il Museo dell'Arte e del Design di Campello sul Clitunno, fondato dalla storica azienda umbra Loreti Arredamenti con l'obiettivo di creare uno spazio pubblico in Umbria dedicato al design e all'arte, ospita un altro importante evento: Gestualità in equilibrio mostra personale di Ferruccio Ramadori, a cura di Giorgio Bonomi.

La mostra, che verrà inaugurata sabato 13 giugno alle 17:30, vedrà esposti i nuovi dipinti di questo storico artista umbro che “esercita o, meglio, vive la pittura”, come scrive Giorgio Bonomi sul catalogo della mostra: “la sua è una pittura fortemente emozionale, non razionale che non significa che sia illogica, infatti segue una logica particolare, quella della pittura, consistente nella composizione, nel colore, nel segno che vengono articolati sulle tele in perfetta armonia”. Così “il dionisiaco e l’apollineo”, espressi dal filosofo tedesco Friedrich Nietzsche scrive ancora Bonomi, “che trovavano una sintesi nei grandi autori tragici della Grecia antica, in Ramadori si alternano e si compenetrano tanto da avere una pittura ora più gestuale e intuitiva ora più equilibrata”. Ferruccio Ramadori è pittore, scenografo, scultore, caratteristiche che fanno di lui un artista poliedrico come pochi altri, pienamente inserito negli ambienti artistici europei.

“Per Ramadori la forma, in ogni sua specie, figurativa, astratta, geometrica o simbolica è manifestazione significante di una realtà, memoria di un’immagine mentale che egli traduce con la sua sensibilità eidetica in segni sonori, grafici e cromatici” come scrive Claudia Bottini nel suo contributo critico al catalogo. Ferruccio Ramadori nasce nel 1952 a Scheggino (Perugia), inizia ad occuparsi d’arte nel 1967, si diploma maestro d’arte a Spoleto in scenotecnica e nello stesso istituto consegue il diploma di Maturità d’Arte Applicata. Frequenta la sezione di pittura dell’Accademia di Belle Arti di Perugia, la quale lo nominerà Accademico di Merito. Si laurea in Sociologia presso l’Università degli Studi di Urbino. Dal 1977 espone in diverse città umbre, come Corciano, Spoleto, Gubbio, Spello, Marsciano, Foligno, Deruta, Castiglione del Lago, Bevagna, Scheggino, Monte Castello Vibio, Collazzone, Agello, Acquasparta, Todi, Magione, Torgiano e più volte a Perugia. Nel territorio nazionale espone a Bolzano, Verona, Milano, Pordenone, Antrodoco, Roma, Laives, Ascoli Piceno, Latina, Trieste, Venezia ed Arezzo. nel 2010 è presente nel Libro d’Artista “omaggio di 50 artisti italiani a Salvatore Quasimodo “ a cura di Vittorio Del Piano .

Dal 1995 al 2014 espone all’estero nelle più importanti gallerie e spazi pubblici di Potsdam, Erfurt, Berlino, Teltow, Parigi, Los Angeles, Seattle, Berna, Epe (Olanda), San Pietroburgo. Rovigno “arte fiera istriana” Slovenia Croazia. Mostre recenti (collettive) 2012 Bevagna, Museo civico; Perugia,Sala del Dottorato;Perugia, (personale) Golf Club; Bolzano,Centro Civico Oltreisarco; Agello, Chiesa Museo; Corciano, Chiesa museo San Francesco; Assisi, basilica di San Francesco (collettiva); 2013 Spoleto, museo archeologico nazionale (personale); Perugia, sala espositiva Hotel Deco (personale); Bettona, pinacoteca comunale (personale); Perugia, ex chiesa Sant’Anna (collettiva).
Ti potrebbero interessare anche...
Argomenti che potrebbero interessarti:
Eventi Campello sul Clitunno
Mostre Umbria
 
 
Svuota Campi