Umbria a Fuoco

Umbria a Fuoco
da Venerdì 14/10/2016 a Domenica 06/11/2016
Umbria
311 visualizzazioni dal 01/01/2018
1°Incontro Internazionale di Fotografia,
Quattro eventi in quattro località umbre  Perugia , Trevi, Montone, Umbertide loc. Preggio.

 
Preggio "300 pochi ma buoni" dal 16 al 23 ottobre 2016
A Preggio i fotografi della associazione Augusta Perusia esporranno le proprie opere presso l’ex scuola nel centro del paese.
Le foto esposte avranno come soggetti principali i simpatici abitanti del luogo che si presteranno per essere ritratti dai nostri fotografi. Il titolo della mostra è  ‘’300 pochi ma buoni’’ il titolo ispirato all’esiguo numero di abitanti che però in occasione di questa sagra storica riescono a coinvolgere a Preggio migliaia di visitatori. Saranno anche esposte in forma di collage numerose foto storiche di Preggio.  Tutte le foto saranno poi raccolte in un libro che sarà stampato il prossimo anno per festeggiare il 50° anno della manifestazione, una delle sagre più antiche in Italia. La mostra rimarrà fino al 23 ottobre.


Trevi "Gente di qui" dal 29 ottobre al 6 Novembre 2016

Giancarlo Mecarelli farà una mostra anche a Trevi e sarà  dedicati alle persone comuni, gli scatti di personaggi del luogo con il suo solito stile ritrattistico che lo contraddistingue. Queste foto saranno esposte durante l’ottobre Trevano che ricco di manifestazioni ed eventi medievali darà risalto alla mostra del noto maestro. Giancarlo esporrà le sue immagini fino al 6 novembre. Un esempio della mostra possiamo vederla qui in basso, tutti i  ritratti saranno effettuati durante la sua permanenza in Italia e realizzati in loco. Questa sarà sicuramente un’altra bella mostra da ammirare e che è stata molto apprezzata a Paraty, in Brasile, dove, il noto fotografo, l’ha proposta nell’anno passato appendendo le foto dei personaggi del luogo lungo una via della cittadina.



Montone "L'uomo il lavoro e la natura" dal 29 ottobre al 6 novembre
Presso la chiesa di Santa Caterina una mostra dedicata ai personaggi caratteristici Montonesi nell’ambito dell’artigianato locale e di tutte le attività legate al bosco, il titolo della mostra ‘’l’uomo il lavoro e la natura’’. Le migliori foto saranno esposte presso la chiesa e saranno visibili per tutta la durata della manifestazione e verranno lasciate esposte anche nei giorni successivi.
La mostra rimarrà fino al 6 novembre.


Perugia - Centro espositivo Rocca Paolina - dal 29 ottobre al 6 novembre 2016
"Tutto Cito" di Francesco Cito

Francesco Cito è uno dei più grandi e celebrati reporter del mondo. Nel 1975 realizza la sua prima copertina per il Sunday Times Magazine con il reportage "La Mattanza". Nel 1980 è uno dei primi reporter a raggiungere l' Afghanistan occupata dai sovietici, percorrendo a piedi con i Mujahiddin oltre 1200 chilometri. Tra il 1982 e il 1983 realizza a Napoli un reportage sulla camorra che verrà pubblicato in tutto il mondo, da Epoca a Stern, da Life a Zeit Magazine. Nel 1983 è inviato da Epoca sul fronte Libanese per un reportage sul conflitto interno all'OLP tra i pro siriani di Abu Mussa e i sostenitori di Arafat. E' l'unico fotogiornalista a documentare la caduta del campo profughi di Beddawi, ultima roccaforte di Arafat. Dal 1984 inizia il suo lavoro nei territori occupati sulle condizioni del popolo Palestinese. Dall'inizio della prima intifada (1987-88) al 1994, resta ferito tre volte durante gli scontri. Nel 2002 riesce ad entrare e a raccontare il campo profughi d Jenin sotto coprifuoco e successivamente quello di Bethlehem. Nel 1989 è inviato dal Venerdì di Repubblica di nuovo in Afghanistan, ancora clandestinamente, per raccontare la ritirata Sovietica. Nel 1990 è tra i primi reporter in Arabia Saudita durante lo sbarco dei Marines USA dopo l'invasione del Kuwait. Resterà in zona fino all'epilogo della prima guerra del Golfo nel marzo 1991. A più riprese è presente nell'area Balcanica, dalla Bosnia al Kossovo, all’Albania durante i vari conflitti interetnici. In Italia segue i fatti di Mafia e Camorra così come aspetti sociali vari come, ad esempio, il Palio di Siena. Negli ultimi anni il suo obiettivo è puntato sulla Sardegna al di fuori degli itinerari turistici. Numerosi i premi e i riconoscimenti a lui dedicati., compresi due World Press Photo.


"City Angel" di Giancarlo Mecarelli
Giancarlo Mecarelli, fotografo per l'associazione "City Angel" è abituato a stupire, a cominciare dal 1996, anno in cui realizzò la provocatoria copertina del disco di D.D. Klien, che immortalava una modella di colore con ali d'angelo e parrucca celeste. Durante la sua carriera, questo straordinario artista è riuscito a "mettere le ali" (una scultura di carta pesta realizzata da "Carlo Pezzoni") a molti personaggi della cultura e dello spettacolo, come Simona Ventura, Ezio Greggio, Vittorio Sgarbi, Renato Balestra, solo per citarne alcuni. I migliori scatti del fotografo G. Mecarelli saranno esposti a Perugia in uno dei luoghi più suggestivi della città, la rocca Paolina; venti tra le migliori foto del noto fotografo esposti al pubblico. Durante la settimana Giancarlo Mecarelli effettuerà una serie di scatti presso uno dei locali della Rocca Paolina a personaggi noti ma anche a passanti per il progetto del suo nuovo libro City Angel dedicato alla città di Perugia di cui il ricavato sarà, come sempre, devoluto in beneficenza. Un straordinario evento per chi desidera vedere per la prima volta un professionista all’opera.


Mostra fotografica in omaggio a Pietro Ubaldi 

Nato a Foligno, vi ha vissuto sino al 1952 ad eccezione del periodo universitario, in cui ha risieduto a Roma, e nei vent'anni d'insegnamento: il primo a Modica, in Sicilia, gli altri diciannove a Gubbio. Dal 1952 al 1972 si è trasferito in Brasile. Ha scritto 24 volumi  - oltre a vari articoli e sette messaggi - presentando il sistema dell'evoluzione dell'universo e considerando le leggi dell'evoluzione umana. Ha chiarito i rapporti d'involuzione ed evoluzione fra le tre dimensioni della materia, dell'energia e dello spirito, in un processo d'unificazione fra le ipotesi della scienza e i principi della fede. Nella sua visione ha cercato di spiegare il senso della vita, la funzione del dolore e la presenza del male. Candidato al premio Nobel nel 1939, all'ultimo gli fu preferito Jean-Paul Sartre. Il suo sistema filosofico fu considerato da Albert Einstein  (con il quale aveva una corrispondenza epistolare) - come risulta da un carteggio - "dolce e leggero" e la sua opera principale, ’’La grande sintesi’’, fu giudicata da Enrico Fermi "un quadro di filosofia scientifica e antropologica etica, che oltrepassa di molto i consimili tentativi dell'ultimo secolo".
Durante la settimana della mostra, sicuramente molto interessante sarà quella dedicata a Pietro Ubaldi; scrittore,  filosofo riconosciuto in tutto il mondo ma quello che non tutti sanno anche un’eccellente fotografo. Nella sua gioventù ha potuto fotografare oltre che la sua amata Umbria e l’Italia, anche tutto il mondo raccontando con la sua macchina fotografica gli straordinari viaggi intrapresi nelle Americhe, Asia, Africa ed Europa. La mostra in suo onore riguarderà le immagini dell’ Umbria nei primi anni del ‘900 un vero e proprio tuffo nel passato. Per chi ama  immagini storiche questo è sicuramente un evento da non perdere per le eccezionali immagini che siamo riusciti a scansionare e restaurare grazie al  Sig. Mario Salciarini di Gubbio che, con sua gentile concessione, ci ha permesso di accedere all'incredibile archivio fotografico di Pietro Ubaldi che egli stesso ha ereditato. Si parla di migliaia di lastre di vetro e negativi conservati, fortunatamente intatto, dopo tutti questi anni. Tra queste anche importanti documenti storici e materiale che lo stesso Pietro Ubaldi utilizzava all'epoca. Per questa occasione, la nostra associazione, cercherà di ritrarre alcuni scorci e ricreare scene vissute e fotografate da Pietro Ubaldi cento anni dopo. Sarà  interessante poter vedere come possa essere cambiato il panorama e cosa invece è rimasto immutato dopo un secolo. Questa mostra vuole essere un omaggio dovuto ad un grande personaggio del nostro passato che molti hanno dimenticato o mai conosciuto...


Info: Associazione Augusta Perusia  E-mail – augustaperusiafotoclub@gmail.com
Presidente Cozzari Marco – 3807022132
Vicepresidente Silvio Agazzi – 3294354268
Argomenti che potrebbero interessarti:
Mostre Umbria
 
 
Svuota Campi